PIÙ CLIENTI E PIÙ CONTATTI DAL WEB

Perché conviene affidare le tue campagne Google Ads a Professionisti

02/04/2019

Se c’è una arte che viene riconosciuta universalmente a noi italiani è certamente quella di arrangiarsi, e noto spesso come questo avvenga anche per Google Ads: tantissimi ci si cimentano e provano ad utilizzarlo, senza conoscerlo.

Sì proprio Google Ads, lo strumento di campagne pubblicitarie più utilizzato al mondo (seguito a ruota da Facebook) e costantemente in crescita (dati Statista 2019, sì lo so non hanno incluso Amazon, ma ve lo dico io: si trova al terzo posto, molto staccato con 8 miliardi di $ nel 2017):




Sarà perché Facebook ce lo abbiamo tutti (o quasi), sarà perché il buon Mark Zuckerberg ci dà lo zuccherino chiamato bottone con scritto sopra “Promuovi il post”, sarà la facilità di utilizzo del mezzo: non mi è difficile capire perché sia forte la tentazione di gestirsi le campagne in autonomia sul Social Blu. Può essere un’idea per risparmiare, ma la sconsiglio, perché sponsorizzare i post senza alcuna strategia integrata e pianificata, significa solo buttare soldi dalla finestra (o dalla macchina in corsa, se vi piace di più l’immagine un po’ wild, “on the road”). Stessa cosa vale per Instagram.


Tornando a Google Ads però, mi sembra alquanto improbabile pensare di poterlo padroneggiare da zero, certo si possono fare corsi, ma si deve disporre di 2 variabili contemporaneamente: molto tempo e molto denaro. Ogni volta che ti propongono un corso del tipo “In 1 o 2 settimane imparerai a gestirti le tue campagne Google Ads” preparati già la risposta: “quindi se il mio collaboratore/collaboratrice ti fa un corso di 1 o 2 settimane vieni tu a sbrigarmi l’amministrazione o gli acquisti?”


A mio avviso è fondamentale rivolgersi a formatori qualificati qualora si voglia imparare, nonché sapere preventivamente che vi sarà un costo, mediamente elevato in termini di tempo e denaro. In caso non si possa frequentare un corso, la cosa migliore resta rivolgersi a professionisti, gente che mastica il mezzo tutto il giorno e tutti i giorni. Google ti dà una piccola mano per capire a chi rivolgersi: il badge Google Partner, che viene rilasciato solo a una ristretta cerchia di agenzie che abbiano personale certificato Google, gestito ingenti somme di budget, nonché conseguito imponenti risultati. Tali obiettivi vengono stabiliti da Google e alle Agenzie Partner non resta che provare a raggiungerli.


Una cerchia ancora più ristretta e ad un livello più alto, è quella che raggruppa le Agenzie Google Premier Partner, come la nostra (qui puoi trovare la relativa scheda sul sito di Google):

https://www.google.com/partners/agency?id=3744977043




Bene, dal punto di vista teorico credo di aver spiegato come e a chi convenga rivolgersi, e anche perché (o perlomeno in astratto). Ora vorrei scendere un po’ più nel pratico, nei meandri di Google e sottoporti alcune domande, che si riferiscono a problemi reali che mi sono capitati nel corso degli ultimi 2 anni:

- Sai settare le impostazioni di fatturazione di un account (lo sapevi che un conto corrente non è un metodo di pagamento secondario automatico, fondamentale se la carta di credito ha problemi? E sapevi che le carte di debito Google spesso non le accetta più?)
- Quale metodo di pagamento scegli, manuale o automatico? 
- Devi fare modifiche veloci, ma l’interfaccia del 2018 è diversa da quella del 2015, quello che valeva fino a poco tempo fa, quando magari hai fatto il corso per Google Adwords (che ora si chiama Google Ads) potrebbe non valere più, hai tempo di star dietro a tutte le news che permettono di ottimizzare le campagne?
- Sai scrivere un annuncio e mettere le giuste parole chiave, ma sai settare correttamente il monitoraggio delle conversioni? Soprattutto, sai cosa è una conversione? (se non lo sai te lo dico io, è ciò che ti permette di sapere se la tua campagna è redditizia o meno).
- Su Google Ads i bug sono all’ordine del giorno, se chiami l’assistenza non ti sapranno aiutare tempestivamente, spesso non ti sapranno aiutare proprio: sarai in grado di cavartela da solo?
- Pensi che se imposti un budget giornaliero Google spenderà quello. Non è vero, spenderà quasi certamente il triplo, come farai a risolvere questo problema?
- Magari il server va giù, tu non lo sai e le tue campagne spendono budget per niente. Come farai a evitarlo?
- Hai settato tutto bene ma la campagna non parte, non gira abbastanza e soprattutto nessuno compra. Hai idea del perché?
- Vuoi far partire una campagna Remarketing (sai cos’è?) e non riesci a sfruttare i giusti segmenti di pubblico dei tuoi clienti. Chiami l’assistenza e ti suggeriscono “di spegnere il pc e cancellare la cache”. Davvero un magro aiuto, riesci a risolverla da solo?
- Crei una campagna e, come ti hanno insegnato, scegli una parola chiave che costa poco, longtail, e la campagna non parte, passano i giorni e non parte. Per quella parola chiave non hai traffico. Magari sai cambiarne la corrispondenza, lo fai, ma ancora non parte. Sai risolvere?

Queste sono le prime 10 che mi sono venute in mente: Se a tutte queste domande hai risposto no, ma stavi pensando di gestirti le campagne Google Ads da solo, ti consiglio di contattarci: sapremo gestire le tue campagne al meglio, ottimizzare il tuo investimento e migliorarne la resa.